Ex convitto “S. Pellico” – Ala (TN)

Project Info

L’edificio oggetto di analisi è il complesso scolastico sede del liceo scientifico “A. Maffei” di Riva del Garda. La struttura nel suo complesso può essere definita come aggregato edilizio, piuttosto articolato sia in elevazione sia in planimetria. In effetti, l’edificio può essere diviso in tre zone distinte per epoche e modalità costruttive differenti: l’edificio storico, la palestra e una palazzina in ampliamento destinata ad aule. L’edificio storico, risalente alla metà del XIX, attualmente ospitante una parte delle aule, i laboratori e gli uffici amministrativi del complesso scolastico per una superficie di circa 900m2. Essa si sviluppava originariamente per un’altezza di 2 piani fuori terra ai quali si aggiunge un piano interrato. A metà degli anni ’70 la struttura è stata sopraelevata di un piano ed è stato costruito un tetto in legno con sottotetto non praticabile, per arrivare a un’altezza complessiva di circa 17,75 m fuori terra. Dal punto di vista strutturale il complesso storico è costituito da una struttura portante in muratura con orizzontamenti in parte in legno e in parte in avvolto e tetto in legno mentre la sopraelevazione è costituita da un sistema di pareti in mattoni e pilastrini in calcestruzzo sopra cui è posizionato un solaio in latero-cemento e un tetto in legno. La palestra si sviluppa per un’altezza pari a 8,5m metà dei quali interrati: la quota relativa alla copertura corrisponde a quella relativa al solaio del secondo piano dell’edificio storico. Essa è costituita da un sistema di pilastri in c.a. sui quali sono posizionate delle travi principali in c.a. su cui poggiano dei copponi di copertura in c.a.p.. La palazzina realizzata con ampliamento nei primi anni ’90, è destinata ad ospitare aule. Essa si sviluppava in origine per un’altezza di 3 piani fuori terra più uno interrato, per essere poi sopraelevata di un piano all’inizio degli anni 2000. Dal punto di vista strutturale è costituita da un telaio in calcestruzzo armato con travi principali in spessore di solaio ordite nella direzione di massima lunghezza.

Principali risultati dell’analisi:

L’analisi dell’aggregato è stata condotta considerando separatamente le diverse unità edilizie. Tale assunzione è giustificata dalla presenza di un giunto fra corpo storico e nuova palazzina aule e dal fatto che fra edificio storico e palestra sia presente un corridoio di collegamento che interessa una limitta altezza degli edifici (3,5m).

L’edificio storico, costituito interamente in muratura, è stato analizzato mediante analisi statica non lineare (pushover). Sulla base dei valori ottenuti si osserva come la struttura risulti verificata per alcune combinazioni di carico (distribuzione proporzionale alle masse) mentre altre (distribuzione secondo il primo modo di vibrare) conducano a condizioni più gravose per la struttura. Tale aspetto è da legarsi alla criticità dell’ultimo piano realizzato con sopraelevazione successiva al corpo storico.

La palestra, realizzata interamente in calcestruzzo con elementi in parte gettati in opera e in parte prefabbricati, è stata analizzata mediante analisi statica non lineare (pushover). Sulla base dei valori ottenuti si osserva che la struttura risulta verificata rispetto alle condizioni di collasso mentre subisca dei danni, anche importanti senza però raggiungere il collasso, per valori di accelerazioni più limitati.

La palazzina aule, realizzata interamente in telaio in calcestruzzo con vano ascensore localizzato su uno dei lati della struttura, è stata anch’essa analizzata mediante analisi statica non lineare (pushover). Sulla base dei valori ottenuti si osserva che la struttura risulta verificata rispetto alle condizioni di collasso mentre subisca dei danni, anche importanti senza però raggiungere il collasso, per valori di accelerazioni più limitati.

Client:
Comune di Ala – P.zza S. Giovanni 1 – 38061 Ala (TN)
Date:
March 16, 2010
Location:
Ala (TN)
Category:
Valutazioni sismiche
WordPress Appliance - Powered by TurnKey Linux